Atletica

Storia dell’Atletica leggera paralimpica

L’Atletica leggera è stata una delle prime discipline ad essere inserita nel programma agonistico paralimpico; le eccezionali prestazioni di Oscar Pistorius, Alan Oliveira, Markus Rehm e della nostra Assunta Legnante non sono che la punta d’iceberg di un movimento in grande fermento, accomunato dalla grande passione verso quella disciplina che non a torto viene definita la regina degli sport.

Offrendo un’ampia gamma di competizioni ed il più grande numero di eventi competitivi (circa 170 gare alle Paralimpiadi e più di 200 ai Campionati Mondiali), è in grado di attrarre il grande pubblico.

L’Atletica paralimpica si compone di gare di corsa su pista e su strada, insieme ai concorsi (salti e lanci) e prove multiple (pentathlon).

Questo sport può essere praticato da atleti con disabilità fisica, sensoriale ed intellettiva. In relazione alla tipologia di disabilità e alla classificazione attribuita a seguita di valutazione clinica e funzionale, l’atleta può gareggiare in piedi (con o senza ausili protesici) o in carrozzina; in caso di minorazione visiva è possibile gareggiare affiancati da atleti-guida.

Fonte: Atletica leggera paralimpica, Guida Tecnica FISPES 1° livello. Autore: Mario Poletti

Le prime gare di Atletica paralimpica risalgono al 1952 con le corse in carrozzina organizzate ai Giochi di Stoke Mandeville (Gran Bretagna) per i veterani della Seconda Guerra Mondiale.
E’ uno degli otto sport inclusi alle prime Paralimpiadi che che hanno avuto luogo a Roma nel 1960.

Archivio dei Risultati

Licenze IPC

Circolare informativa sulle Licenze Internazionali IPC (Atletica Leggera) – DOWNLOAD

 

IPC Eligibility Agreement Athlete (SCARICA)
Il modulo deve essere compilato e firmato da tutti gli Atleti.

VI Medical Diagnostics Form (SCARICA)
Questo modulo deve essere compilato dai NUOVI Atleti con disabilità visive.

PI Medical Diagnostics Form (SCARICA)
Questo modulo deve essere compilato dai NUOVI Atleti con disabilità fisica.

TSAL (SCARICA)
Questo modulo deve essere compilato dai NUOVI Atleti con disabilità intellettiva-relazionale.

Il Vademecum, approvato dal Consiglio Federale, costituisce la raccolta di tutte le Norme, procedure, informazioni, tabelle e modulistica, che regolano lo svolgimento delle Manifestazioni agonistiche Federali di Atletica Leggera durante l’Anno Sportivo in corso.
Per quanto non in esso contenuto o nei dispositivi tecnici dei singoli Eventi, si farà riferimento al vigente Regolamento Internazionale di World Para Athletics.

 Norme Attività – VADEMECUM 2019

Circolare Modiche al Vademecum Attività – sanatoria per i minimi di partecipazione ai Campionati Assoluti 2019 e introduzione del “criterio della stagionalità” per l’Anno Sportivo 2020

Classificazioni Funzionali

Tabelle Tasse ed Ammende AS 2019

Protocollo d’Intesa FIDAL-FISPES-FISDIR

Regolamento per la partecipazione di atleti di gruppi militari e delle forze di polizia agli eventi di atletica agonistica FISPES

Codice Etico della FISPES

 Regolamento degli Atleti del Club Azzurro FISPES

Classificazione di Atleti con disabilità intellettiva-relazionale
In via preliminare, all’atto del primo tesseramento, l’atleta dovrà allegare alla domanda un certificato medico che attesti:
1) che l’atleta è portatore di disabilità intellettiva relazionale con specifica del grado (lieve – medio – grave);
2) che la disabilità intellettiva relazionale è insorta prima del 18° anno di età;
3) la diagnosi della patologia che ha eventualmente determinato lo stato di disabilità intellettiva relazionale;
4) Inoltre, bisogna versare la relativa tassa di € 20,00 che la Federazione provvederà ad accreditare sul conto dei servizi online di tesseramento, tramite carta di credito.

Classificazione di Atleti non vedenti-ipovedenti
Per la classificazione di Atleti non vedenti – ipovedenti sono necessari i seguenti documenti:
1) Certificato di visita Oculistica rilasciato da Struttura Pubblica o Privata, in cui siano ben evidenziati:
la diagnosi della patologia visiva dell’atleta;
la misura dell’acuità visiva espressa in 60mi;
la misura del campo visivo espresso in gradi;
la documentazione sopra elencata deve essere di data non anteriore a un anno
2) Copia leggibile del certificato della Commissione di Invalidità Civile di prima Istanza; (qualora l’Atleta ne sia già in possesso per altri motivi);
3) Inoltre, bisogna versare la relativa tassa di € 20,00 che la Federazione provvederà ad accreditare sul conto dei servizi online di tesseramento, tramite carta di credito.
La documentazione va inviata a segreteria@fispes.it

Versione base – 1 febbraio 2019 – SCARICA

Aggiornamento – 4 aprile 2019 – SCARICA

Aggiornamento – 23 aprile 2019 – SCARICA

Aggiornamento – 30 giugno 2019 – SCARICA

Aggiornamento del 30 giugno 2019 – SCARICA

PROSSIMI EVENTI
luglio 2019
agosto 2019
settembre 2019
ottobre 2019
Nessun evento trovato!