da Facebook

7 hours ago

Fispes

#linsuperabileèimperfetto

Daniele Beccegato: #sangueesudore

Sono nato a Camposampiero 27 anni fa, ma vivo a Padova da sempre. Sono nato all’ottavo mese con un taglio cesareo programmato perché già dal quinto mese i medici si erano accorti che ero podalico. Alla nascita per i dottori ero sano, ma quando ho cominciato a camminare a 8 mesi, hanno notato che non riuscivo a fare i movimenti regolari a livello di camminata e movimento di bacino. Solo dopo varie visite specialistiche hanno riscontrato un’#emiparesi dovuta ad un blocco respiratorio durato qualche secondo nel corso del parto. L’assenza di ossigeno mi ha danneggiato le cellule motorie della parte destra del corpo con conseguente anca sublussante e difficoltà di formazione della muscolatura nella gamba e braccio interessati dalla patologia. Da quel momento in poi, ho fatto su e giù fra #ospedale e centro di #riabilitazione di Padova.
Da piccolo non ho mai voluto sentirmi escluso dagli altri e la mia patologia non mi è stata mai fatta pesare dalle persone fantastiche che mi sono state a fianco nella mia vita: i miei #genitori, i parenti, gli amici e le squadre dove ho giocato e dove gioco adesso che sono come una seconda #famiglia dove ci si aiuta sempre.
A 3 anni ho cominciato a fare #nuoto per rafforzare la parte motoria debole e, contro il parere dei medici, facevo il #portiere nella squadra di #calcio della parrocchia. Ho continuato la mia “carriera calcistica” nel Calcio a 11 del Mortise Calcio e della Scuola Calcio Galderisi Soccer Team per poi passare a 14 anni al #Calcio a 5 con i normodotati. Da quattro anni sono un giocatore del Calcio a 7 per celebrolesi, sempre col ruolo di portiere e talvolta come giocatore di movimento. Di questo devo ringraziare la fantastica famiglia paralimpica che ho trovato nella società di Simone Pajaro, il Calcio Veneto FD.
Lo #sport mi ha aiutato moltissimo a livello motorio e a livello personale. Anche se i medici hanno inizialmente remato contro la mia decisione, alla fine anche loro hanno cambiato idea capendo la grande #voglia di giocare che avevo e i benefici fisici che ne conseguivano.
Senza sport non riesco a stare, è una routine che mi permette di sfogarmi e liberare la testa, lasciando tutti i problemi fuori dal campo … ed è bellissimo! Sono cresciuto come persona, mi sono messo in gioco con gli altri e cerco in tutti i modi di dare il massimo con #sangue e #sudore, con una voglia sempre più grande di dimostrare quanto valgo anche con una patologia motoria. Ma senza l’appoggio della mia famiglia e dei miei amici, non sarei mai riuscito a raggiungere tutto questo.
Ho una frase che mi gira per la testa da un paio di anni: questa è la mia vita, niente è facile ma nulla è impossibile.

#fispesland #oltremodoltre #pluriability #football7aside #cpfootball #calcioa7 #ifcpf #cerebrolesione #cerebralpalsy #emiparesi #famiglia #ilcalciomifavolare
... See MoreSee Less

Leggi su Facebook

1 day ago

Fispes

Roberto Sodero, il giocatore-giornalista 😉E' arrivata la fine di questo tanto atteso Mondiale! Sarà un'esperienza indelebile nella mia memoria, un'esperienza che non avrei mai potuto vivere senza il sostegno e l'aiuto di tante persone intorno a me.
Ringrazio la Fispes: il Presidente Sandrino Porru e il Segretario Arianna Mainardi, che con la loro professionalità mi hanno fatto capire cosa significhi essere una Federazione; Maria Luisa, Walter, Stefano, Francesca, per la loro disponibilità e cortesia; Maria Cristina per l'infinita pazienza nel rispondere a mail e chiamate a tutte le ore di qualunque giorno; il mitico compagno di viaggio Giacomo Quadrini, diventato ormai parte integrante dello spogliatoio; Giuliana Grillo, che nell'ultimo anno mi ha insegnato le basi di un nuovo mestiere, per seguire la Nazionale in Messico come addetto stampa.
Grazie a Renzo Vergnani, persona dal gran cuore e mister lungimirante, che ha capito subito che avrei potuto fare del bene alla squadra dietro una scrivania più che in campo...ma tanto io continuerò a giocare :-). Paolo Zarzana a cui ho segnato diversi goal allo scadere in allenamento quando lui era il mister della squadra avversaria. Scusa Paolo!. "Emy Mysterio", alias "Edil Portieri", alias Emiliano Gronchi, gran compagno di stanza. Grazie ai compagni di squadra e a chi ha fatto parte dello staff tecnico in questi ultimi 6 anni: per brevità non vi nominerò singolarmente, ma siete tutti nel mio cuore.
Grazie ad Antonio Pedaci (PDX Sport), che per amicizia e senza voler nulla in cambio ha fornito materiale a tutti i giocatori in tempi record.
Ringrazio gli amici, compagni di calcetto e colleghi di Links Management and Technology S.p.A, per avermi dato la possibilità di assentarmi anche in momenti lavorativi delicati, senza mai farmi pesare la cosa, nella speranza che aprissi un chio-schettino in Messico...purtroppo non sono riuscito nell'intento.
Grazie alla mia famiglia, che mi è sempre vicina in ogni scelta della mia vita e in particolar modo grazie a mio padre, che pur cavandosela a mala pena col computer e non avendo un profilo FB, è riuscito a trovare sempre il link delle nostre partite, alzandosi in piena notte per guardarle e non facendo mai mancare il suo messaggio con commento tecnico a fine gara.
Grazie a tutti coloro che in qualche modo hanno contribuito nel tempo a far sì che io potessi avvicinarmi a questo splendido sport, dagli amici del CSI Lecce a NTO Colella srl - Centro Protesi - Ortopedia Tecnicaa, Ale Debby, Decathlon Italia, a chiunque in qualche modo possa avermi detto anche solo una parola di incoraggiamento.
Infine il grazie più grande va a mia moglie, Veronica Di Marco, che (anche se a vederla non si direbbe) ha sempre tanta pazienza con me, e ha compreso con amore tutti i momenti in cui ho sottratto tempo a noi per dedicarlo alla squadra.
... See MoreSee Less

Leggi su Facebook

1 day ago

Fispes

Questo, signori, è il Calcio a 7 per atleti con cerebrolesione.

Se vuoi informazioni, scrivici a segreteria@fispes.itCheck out the full video here: www.youtube.com/watch?v=cSI_R-tIKFw
... See MoreSee Less

Leggi su Facebook

da YouTube

Corsi per Guide sportive

Massimiliano Rosolino ha prestato il suo volto e la sua voce per sostenere il lancio dei corsi di formazione FISPES per guide sportive di Atletica leggera paralimpica dedicato ad atleti e persone non vedenti ed ipovedenti. In questo video, Rosolino, campione olimpico e mondiale di nuoto, è accompagnato dai giovani atleti Emilia Fares e Niccolò Pirosu, componente di FISPES Academy, l’Accademia Under 20 di Atletica paralimpica, dal primatista mondiale del disco per non vedenti Oney Tapia e dal tecnico nazionale del settore giovanile Stefano Ciallella.

Prossimi Eventi

novembre 2018
Nessun evento trovato!

Legenda

Atletica

Calcio a 7

Calcio Amputati

Powerchair Football

Rugby in Carrozzina

‘Tutti in pista’ con la carrozzina versatile vince il bando OSO – Ogni Sport Oltre di Fondazione Vodafone Italia.

Il progetto FISPES ‘Tutti in pista’ è stato selezionato tra i 23 vincitori del bando OSO – Ogni Sport Oltre promosso da Fondazione Vodafone Italia.
Con l’obiettivo primario di avvicinare le persone con disabilità allo sport, focus della community OSO, ‘Tutti in pista’ intende lanciare una rivoluzionaria carrozzina versatile ideata dall’Università di Bergamo e concepita per l’avviamento di giovani alla pratica dell’Atletica leggera, con particolare riferimento alla corsa in carrozzina che negli ultimi anni ha registrato un notevole calo di pratica. In specifico, la FISPES vuole creare cinque poli regionali di riferimento (Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Campania) in cui sarà possibile trovare personale tecnico qualificato e attrezzature specifiche per permettere ai neofiti di sperimentare questa specialità.

SPONSOR FEDERALI
fan